Vai ai contenuti

Dal mare un eccellente integratore: l'alga spirulina

Archivio articoli

RIMEDI NATURALI

Pubblicato su "Lo Stilo"  dicembre 2001

Una corretta alimentazione costituisce, come ormai tutti noi sappiamo, il primo fondamentale elemento in grado di allontanare l’insorgere di numerose patologie. Per corretta alimentazione si intende la pratica che predilige il consumo di alimenti di origine naturale, molto più agevolmente digeribili ed assimilabili rispetto a quelli che hanno subito elaborazioni e lavorazioni chimiche per mano dell’uomo e che, malgrado tale immediata considerazione, fanno bella mostra di sé nei punti vendita della grande distribuzione e costituiscono la percentuale preponderante della spesa alimentare della famiglia occidentale.
In questo, ci vengono in aiuto alimenti, quali la Spirulina, che rappresentano validissimi supplementi vitaminico-minerali della nostra alimentazione.
La Spirulina è una varietà di alga verde-azzurra della famiglia
oscilareaceas, una delle piante più antiche del nostro pianeta, presente su di esso da circa due miliardi di anni. Il suo uso, come quello di altre microalghe, quale apportatore di proteine e vitamine, ha origini molto lontane in alcune zone tropicali piuttosto che nell’impero Azteco, dove le relative popolazioni includevano nella loro dieta alimentare l’alga in oggetto.
La Spirulina prende il suo nome dalla forma a spirale del filamento; essa, a differenza degli integratori moderni di sintesi, frutto di fabbricazioni di laboratorio, e di quelli naturali ma che derivano da processi estrattivi di origine chimica, ambedue non facilmente riconoscibili dall’organismo umano, contiene nutrienti altamente biodisponibili di pronta assimilazione. Essa, infatti, non viene né trasformata, né trattata, né estratta chimicamente ed è completamente priva di residui pesticidi essendo coltivata in modo biologico.
Per quanto riguarda la composizione di questo importante alimento, è da sottolineare il suo alto contenuto di proteine: più del 63%, sotto forma di biliproteine, ossia predigerite da parte della stessa alga e quindi facilmente assorbibili. La loro digeribilità è infatti di circa l’85% contro il 20% di quella relativa alle proteine di manzo, ed inoltre non produce scorie a differenza di quella che riguarda le proteine di origine animale.
La Spirulina contiene tutti gli 8 aminoacidi essenziali e 10 non essenziali perfettamente bilanciati. Essa inoltre possiede il 18% di carboidrati sotto forma di ramosio e, in minor misura, di glicogeno, due polisaccaridi prontamente assimilabili dal nostro organismo senza la partecipazione dell’insulina; essa è, per tale motivo, consigliata nei casi di diabete. Tra i carboidrati, la Spirulina è ricca di mucopolisaccaridi, carboidrati complessi in grado di rendere più elastici i tessuti connettivi.
Il 4% della nostra alga è costituito da acidi grassi essenziali insaturi, benefici per il nostro organismo, tra i quali il più importante è l’acido gamma-linoleico, stimolante delle prostaglandine, sostanze regolatrici del cuore, della pelle, del sistema circolatorio, della muscolatura, del colesterolo.
Per ciò che concerne le vitamine, la Spirulina è il cibo naturale più ricco di betacarotene, considerando che ne contiene una quantità ben 25 volte più grande di quella presente nelle carote, e possiede il vantaggio, correlato alle sue origini naturali, di convertire in vitamina A solo la quantità necessaria all’organismo, scongiurando così eventuali pericoli di intossicazione. E’, inoltre, ricchissima di vitamina B12, in particolare la Spirulina Cubana che ne contiene due volte e mezzo più di quella presente nel fegato. Essa fornisce, per di più, vitamina B6, niacina, biotina, acido pantotenico, acido folico, inositolo e vitamina E.
La Spirulina è ritenuta il migliore integratore naturale di ferro di tipo organico e quindi atossico: minerale fondamentale per l’organismo umano ed animale in quanto indispensabile per la produzione di emoglobine. Tra gli altri minerali essa contiene, inoltre, il calcio, il magnesio, il manganese, il cromo, lo zinco, il rame, il selenio e poco sodio.
Tra i pigmenti presenti nella Spirulina, responsabili del suo caratteristico colore verde intenso, la clorofilla e la ficocianina (quest’ultima presente sul nostro pianeta anteriormente alla clorofilla), rivestono particolare importanza per la loro azione disintossicante sul sangue e per l’effetto stimolante sul sistema immunitario.
Per il suo alto contenuto di anti-ossidanti e anti-radicali liberi, quali i già ricordati ficocianina, betacarotene e vitamina E, la Spirulina è oggetto di studi relativi al suo effetto sulla prevenzione e sulla cura del cancro e dell’invecchiamento precoce.
La Spirulina contiene inoltre, una sostanza naturale, presente esclusivamente in tale alga e di recente scoperta (calcium-spirulan) in grado di inibire i virus tra i quali quello dell’AIDS.
Tra i principali usi terapeuti di questo integratore, sono quindi da segnalare i seguenti: indebolimento delle difese immunitarie, infezioni virali e batteriche, anemie, acidità ematica, gastriti, diarree, stitichezza, scarso assorbimento, intolleranze alimentari, ipercolesterolemia, sindromi premestruali, astenia psicofisica, carenze proteiche, cancro, diabete.
La nostra alga è utilizzata anche nelle diete dimagranti a seguito dei risultati di un aminoacido ad azione frenante sull’appetito, in essa contenuto: la fenilalanina. Ciò avviene a causa della colecistokinina: una sostanza prodotta dalla fenilalanina che si sviluppa rapidamente nell’ipotalamo, ossia nel centro di controllo della sensazione dell’appetito, aiutando a creare una percezione di sazietà.
Non esistono effetti collaterali attinenti al consumo di Spirulina ed, anzi, di essa è raccomandato l’inserimento nell’alimentazione dei bambini fin dai loro primi mesi di vita per via della sua capacità stimolante sulla crescita e sul perfezionamento del sistema immunitario.
Allo stesso modo, essa è consigliabile agli anziani per il suo alto contenuto di vitamine, minerali e proteine, in grado di rendere più forte ed energetica tale categoria di persone.
La Spirulina, riconosciuta, tra l’altro, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), quale alimento altamente valido, è utilizzabile in pastiglie o in polvere; la dose media suggerita per gli adulti è di circa 6 pastiglie (3 gr.) o di un cucchiaino di polvere al giorno, da assumere a stomaco vuoto al mattino o fra i due pasti principali.


Indietro

Torna ai contenuti